Colosseo romano - Uno sguardo alla storia del Colosseo romano

John Williams 25-09-2023
John Williams

Il Colosseo romano è uno dei monumenti più conosciuti nella storia dell'umanità. Il nome originale del Colosseo romano era Amphitheatrum, anche se, nella storia recente del Colosseo, è stato comunemente chiamato Anfiteatro Flavio. Quando è stato costruito il Colosseo, a cosa serviva il Colosseo e di che cosa è fatto il Colosseo romano? Risponderemo a queste domande, oltre che a quelle che riguardano il Colosseo romano.in questo articolo sono state esplorate molte informazioni interessanti sul Colosseo romano.

Esplorare il Colosseo romano

Il nome originario del Colosseo romano cambiò poi in Anfiteatro Flavio, in quanto venne associato alla dinastia Flavia, i mecenati che costruirono il Colosseo a Roma. Ma per quanto tempo è stato utilizzato il Colosseo, per cosa è stato utilizzato il Colosseo e per cosa viene utilizzato oggi? Indaghiamo su queste domande e scopriamo molti altri fatti affascinanti sul Colosseo romano.

Il Colosseo a Roma, Italia [2020]; FeaturedPics, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Il Colosseo romano originale Storia

Quando fu costruito il Colosseo romano? Il grande anfiteatro noto come Colosseo, situato immediatamente a est del Foro Romano, fu costruito come tributo al popolo di Roma dall'imperatore Vespasiano della dinastia Flavia intorno al 70 d.C..

Il Colosseo romano originale veniva utilizzato per eventi comuni, tra cui simulazioni di guerra navale, cacce alla selvaggina, rievocazioni di grandi guerre, combattimenti tra gladiatori e spettacoli teatrali incentrati sulla mitologia classica.

Guarda anche: Disegni da colorare di farfalle - I nostri 16 fogli da colorare stampabili gratuitamente

All'inizio periodo medievale In seguito, la struttura ha smesso di essere utilizzata per lo spettacolo, per poi essere riutilizzata come residenza, laboratorio, alloggio per gli ordini religiosi, castello, cisterna e santuario cristiano.

Costruzione del Colosseo

Si trattava di una regione pianeggiante in fondo a una piccola valle tra l'Esquilino, il Celio e il Palatino, con un lago artificiale e un torrente incanalato. La regione era intensamente popolata già nel II secolo a.C. Dopo il grande incendio di Roma del 64 d.C., che la distrusse completamente, Nerone si appropriò di gran parte della regione per espandere il proprio regno.

Sul posto costruì la sfarzosa Domus Aurea, circondata da laghi artificiali, portici, prati e padiglioni; l'acqua veniva portata nella regione dall'acquedotto dell'Aqua Claudia e l'enorme Colosso bronzeo di Nerone fu eretto vicino all'ingresso della Domus Aurea.

L'attuale ingresso della Domus Aurea sulla via della Domus Aurea, adiacente al Colosseo, sull'Oppio, a sud sul bordo dell'Esquilino [2017]; Rabax63, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Il Colosso era intatto, mentre la Domus Aurea era in gran parte distrutta. Il sito fu utilizzato per costruire il ricostruito Anfiteatro Flavio una volta che il lago fu colmato. All'interno del vecchio terreno della Domus Aurea furono costruite accademie gladiatorie e altre strutture ausiliarie. La scelta di Vespasiano di costruire il Colosseo sul luogo del lago di Nerone potrebbe essere interpretata come uno sforzo patriottico direstituire al pubblico una parte della città che Nerone aveva preso per sé.

A differenza di molti altri anfiteatri, il Colosseo fu eretto nel centro della città, posizionandosi così simbolicamente e praticamente al centro di Roma.

Una mappa del 1916 del centro dell'antica Roma; Autore sconosciuto Autore sconosciuto, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

I sontuosi tesori saccheggiati dal Tempio ebraico durante l'assedio di Gerusalemme nel 70 d.C. furono utilizzati per pagare la costruzione: "L'imperatore ordinò che questo nuovo anfiteatro fosse creato con la parte di bottino del suo generale", secondo una targa restaurata scoperta sul sito. Non ci sono prove storiche che i soldati ebrei catturati siano stati portati a Roma e abbiano contribuito al vasto progetto di costruzione.manodopera necessaria per lo sviluppo dell'anfiteatro, anche se sarebbe coerente con la prassi romana di umiliare la popolazione sconfitta.

Per rispondere alla domanda su chi ha costruito il Colosseo a Roma: squadre di esperti costruttori romani, progettisti, pittori, artisti e decoratori si sono occupati anche dei lavori più specifici richiesti per la costruzione del Colosseo, oltre a questa offerta di manodopera non specializzata a basso costo.

Per la costruzione del Colosseo romano sono stati utilizzati diversi materiali: calcare, legno, tufo, cemento, malta e tegole.

Un dettaglio del Colosseo romano [2014]; AureaVis, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Quando fu costruito il Colosseo romano? Sotto la guida di Vespasiano, la costruzione del Colosseo iniziò intorno al 70 d.C. Vespasiano morì nel 79 e il Colosseo fu terminato fino al terzo piano.

Suo figlio Tito completò il livello superiore nell'80 d.C. e i primi giochi furono condotti nell'80 o 81 d.C..

Secondo Dio Cassio, durante le cerimonie di inaugurazione dell'anfiteatro furono uccisi più di 9.000 animali. Per commemorare l'inaugurazione fu emessa una moneta. La struttura fu sottoposta a significativi lavori di ristrutturazione sotto il figlio minore di Vespasiano, l'appena incoronato imperatore Domiziano, che costruì l'ipogeo, una rete di gallerie destinate a contenere schiavi e animali. Per aumentare in modo significativo il numero delle persone che vi si recavano, la struttura fu dotata di un'area di sosta.Il Colosseo era stato costruito con una capienza di posti a sedere, ma anche con una galleria.

Elevazione e sezione delle gradinate e della sottostruttura del Colosseo a Roma [1888]; A Rosengarten, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

I piani superiori in legno dell'interno del Colosseo furono completamente distrutti da un grande incendio nel 217, che danneggiò gravemente la struttura. Secondo Dio Cassio, l'incendio fu provocato da un fulmine. Il Colosseo fu completamente riparato solo intorno al 240, e poi necessitò di ulteriori lavori nel 250 o 252 e ancora nel 320. Nel 399 e di nuovo nel 404, Onorio mise fuori legge la pratica dei combattimenti gladiatori.

L'ultima volta che vengono descritti i combattimenti tra gladiatori è intorno al 435.

Un'iscrizione descrive la ricostruzione del Colosseo in diverse aree durante i regni di Teodosio II e Valentiniano III, probabilmente per riparare i danni di un forte terremoto nel 443; altri lavori furono eseguiti nel 484 e nel 508. Ancora fino al VI secolo, l'arena veniva utilizzata per le competizioni.

L'uso medievale del Colosseo romano

L'uso del Colosseo cambiò radicalmente più volte. Alla fine del VI secolo fu costruita una piccola cappella all'interno dell'anfiteatro, ma non sembra che questo abbia conferito alla struttura un ulteriore significato religioso. All'interno dell'arena fu creato un cimitero. Le varie aree a volta sotto le sedute nei portici furono trasformate in appartamenti e luoghi di lavoro e furono affittate comerecente come il 12° secolo.

Il Colosseo fu rinforzato nel 1200 e fu utilizzato come roccaforte dalla dinastia dei Frangipane.

Il Colosseo subì notevoli danni durante il grande terremoto del 1349, con il crollo del lato esterno meridionale, costruito su un terreno alluvionale meno stabile. Gran parte della pietra in rovina fu riutilizzata per costruire palazzi, chiese, ospedali e altri edifici. edifici in tutta Roma Un ordine monastico si trasferì nella sezione settentrionale del Colosseo a metà del XIV secolo e vi rimase fino all'inizio del XIX secolo. L'interno dell'anfiteatro fu gravemente spogliato della pietra, che fu riutilizzata altrove o bruciata per produrre calce viva. I morsetti di ferro che tenevano insieme le pietre furono strappati o tagliati dalle pareti, creando molti segni che sonoancora oggi visibile.

Mappa della Roma medievale con il Colosseo; Pubblico dominio, Collegamento

Uso moderno e restauro

I funzionari della Chiesa cercarono una funzione benefica per il Colosseo nel XVI e XVII secolo. Papa Sisto V intendeva convertire la struttura in una fabbrica di lana per offrire lavoro alle prostitute di Roma, ma la sua morte prematura impedì che ciò accadesse. Il cardinale Altieri permise l'uso del Colosseo per le corride nel 1671, ma la proposta fu rapidamente abbandonata a causa del clamore popolare. Papa Benedetto XIV accettònel 1749 che il Colosseo era un luogo sacro dove erano stati uccisi i primi cristiani, proibì che il Colosseo fosse usato come cava e lo dedicò alla Passione di Cristo, installandovi le stazioni della Via Crucis e dichiarandolo sacro grazie al sangue dei guerrieri cristiani che vi morirono.

L'affermazione di Benedetto, tuttavia, non è supportata da alcuna prova storica, e non c'è nemmeno alcuna prova che qualcuno prima del XVI secolo abbia proposto che questo potesse essere il caso.

Secondo il Enciclopedia Cattolica, L'unico supporto storico all'ipotesi è la teoria plausibile che alcuni dei numerosi martiri lo fossero. I papi successivi avviarono una serie di interventi di stabilizzazione e conservazione, eliminando l'enorme vegetazione che aveva invaso l'edificio e che minacciava di danneggiarlo ulteriormente. Nel 1807 e nel 1827 furono aggiunti cunei di mattoni alla facciata e nel 1831 e negli anni '30 del secolo scorso l'internoSotto Benito Mussolini, negli anni Trenta del Novecento, le fondamenta dell'arena furono interamente scoperte dopo gli scavi parziali del 1810 e del 1874.

Con milioni di turisti ogni anno, il Colosseo è attualmente una delle mete turistiche più amate di Roma. Tra il 1993 e il 2000 sono stati eseguiti importanti lavori di restauro a causa dell'inquinamento e del degrado generale che si sono verificati nel tempo. Da quando è stato abolito in Italia nel 1948, il Colosseo è diventato il simbolo del movimento globale contro la pena di morte. Nel 2000, c'è stata unanumero di manifestazioni contro la pena di morte tenute davanti al Colosseo.

Da allora, ogni volta che una persona condannata a morte in qualsiasi altra parte del mondo viene convertita o scagionata, o quando un tribunale elimina la pena capitale, i funzionari della città di Roma cambiano il colore dell'illuminazione del Colosseo a tarda sera da bianco a oro in segno di protesta contro la pena capitale.

Descrizione fisica del Colosseo romano

Il Colosseo è un edificio completamente indipendente, a differenza dei teatri romani che erano scavati nelle colline. La sua architettura fondamentale esterna e interna è modellata su quella di due teatri affiancati. Un muro alto 5 metri circonda l'arena centrale di forma ovale, che è lunga 87 metri e ha strati di posti a sedere che si innalzano sopra di essa.

Descrizione esterna

Si dice che per la realizzazione del muro esterno siano stati necessari oltre 100.000 metri cubi di travertino, posato senza cemento e unito da 300 tonnellate di morsetti di ferro. Tuttavia, nel corso degli anni ha subito notevoli danni, con crolli di sezioni significative in seguito a terremoti. I caratteristici cunei di mattoni a triangolo alle due estremità del restante lato nord del muro esterno sono una novità.che furono costruiti all'inizio del XIX secolo per rafforzare il muro.

Il muro interno originale costituisce oggi la parte rimanente della facciata del Colosseo.

Il Colosseo a Roma, Italia, 1896 circa; ...trialsanderrors, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

La facciata monumentale della parte restante del muro esterno è costituita da tre piani sovrapposti, una piattaforma e un alto attico, tutti scanditi da finestre regolarmente distanziate. Semicolonne ioniche, doriche e corinzie di vari ordini delimitano le arcate, mentre lesene corinzie ornano l'attico. Le statue che erano incorniciate da ogni arco al secondo e al terzo piano sono state inserite in un'area di pertinenza dell'edificio.Le arcate sono probabilmente destinate a commemorare divinità e altri personaggi della mitologia classica. Intorno alla sommità dell'attico sono stati collocati in totale 240 mensole ad albero.

In origine sostenevano il velarium, una tettoia retrattile che riparava gli spettatori dal sole e dalla pioggia, costruita con corde che formavano una struttura simile a una rete, ricoperta di tela e dotata di un foro al centro.

Il velarium era composto da marinai accuratamente reclutati dagli adiacenti Castra Misenatium e dal quartier generale della marina romana a Misenum.

Il livello più alto del Colosseo ospitava il velarium, o tettoia, che faceva ombra ai sedili sottostanti [2014]; daryl_mitchell da Saskatoon, Saskatchewan, Canada, CC BY-SA 2.0, via Wikimedia Commons

L'enorme capacità di posti a sedere del Colosseo rendeva cruciale la possibilità di riempire o sgomberare rapidamente l'area. Per affrontare lo stesso problema, i suoi costruttori svilupparono strategie notevolmente simili a quelle utilizzate negli stadi contemporanei. Ottanta ingressi a livello del suolo circondavano l'anfiteatro, 76 dei quali erano utilizzati dagli spettatori abituali. Ogni scala aveva un numero, così come ogni entrata e ogniuscita.

La porta settentrionale era utilizzata dall'imperatore romano e dai suoi consiglieri, mentre la nobiltà entrava probabilmente dai tre accessi assiali.

Tutti e quattro gli ingressi assiali erano riccamente abbelliti da rilievi in stucco decorati, di cui esistono alcune parti. Con la caduta del muro perimetrale, molti degli antichi ingressi esterni sono scomparsi. Agli spettatori venivano consegnati biglietti numerati in coccio di ceramica che li conducevano alla sezione e alla fila corretta. Raggiungevano i loro posti attraverso i vomitoria, corridoi che conducevano a uno strato di sedili dal basso.Questi sistemi distribuiscono rapidamente le persone nei loro posti e, alla fine dell'evento o durante un'evacuazione di emergenza, possono consentire la loro fuga in pochi minuti.

Ingresso LII del Colosseo a Roma; WarpFlyght, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Descrizione degli interni

Il Colosseo poteva contenere 87.000 persone, anche se secondo le stime attuali il numero totale si avvicina a 50.000. I posti a sedere erano suddivisi in livelli, riflettendo l'aspetto strettamente stratificato della società romana. All'imperatore erano riservati posti speciali alle estremità settentrionali e meridionali dell'arena, che offrivano la vista più ampia dell'arena. Una grande pedana o podio li affiancava allo stesso livello del senato romano, che eraè consentito portare con sé i propri posti a sedere.

Alcuni nomi di senatori del V secolo sono ancora visibili incisi nella muratura, probabilmente riservando dei posti per il loro utilizzo.

Il livello superiore ai senatori era occupato dalla classe aristocratica non senatoria o dai cavalieri. Il livello superiore era un tempo designato per i normali cittadini romani ed era separato in due gruppi: la sezione inferiore era per i residenti benestanti e la sezione superiore per i cittadini impoveriti. Altri gruppi sociali avevano le loro sezioni, come i ragazzi con istruttori, i guerrieri in licenza, i diplomatici in visita,Per gli abitanti e la nobiltà, che probabilmente portavano con sé i propri cuscini, erano previste sedute in pietra. Le iscrizioni segnalavano gli spazi destinati a determinati gruppi.

I seggi degli ultimi senatori al Colosseo di Roma, Italia [2016]; Jordiferrer, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Durante il regno di Domiziano fu costruito un altro livello, fino alla sommità dell'edificio, che comprendeva una galleria per i poveri, gli schiavi e le donne, con posti solo in piedi o sedili di legno molto rigidi.

Ad alcuni gruppi fu vietato l'accesso al Colosseo: becchini, drammaturghi e gladiatori in pensione.

Guarda anche: Disegni da colorare di Ninjago - 18 stampabili di Ninjago nuovi e gratuiti

Ogni livello era separato in porzioni da tunnel curvilinei e pareti basse, che erano ulteriormente suddivise in porzioni dalle scale e dai corridoi della vomitoria. Ogni fila di sedie era numerata, consentendo di identificare con precisione ogni singolo posto con il suo numero.

Una pianta del 1805 dell'interno del Colosseo a Roma; British Library, Senza restrizioni, via Wikimedia Commons

L'Ipogeo e l'Arena

L'arena aveva un pavimento in legno duro ricoperto di sabbia che copriva un'ampia costruzione sotterranea chiamata ipogeo. L'imperatore Domiziano autorizzò la costruzione dell'ipogeo, che non faceva parte del progetto originale. Poco del pavimento originale dell'arena del Colosseo romano sopravvive, anche se l'ipogeo è ancora ben visibile.

Si trattava di un sistema sotterraneo di tunnel e gabbie a due livelli sotto lo stadio, dove venivano rinchiusi gladiatori e bestie prima delle gare.

Circa 80 tunnel verticali consentivano un rapido accesso all'arena per gli animali in cattività e per i pezzi scenici nascosti al di sotto; piattaforme più ampie e incernierate permettevano l'ingresso di elefanti e altri animali di grandi dimensioni. È stata ricostruita più volte, con almeno 12 periodi di costruzione distinti visibili.

L'interno del Colosseo a Roma, Italia, con l'arena e i livelli inferiori [2012]; Danbu14, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

I tunnel collegavano l'ipogeo a una moltitudine di luoghi esterni al Colosseo. Animali e intrattenitori venivano trasportati lungo il tunnel dalle stalle adiacenti, e i tunnel univano i dormitori dei gladiatori al Ludus Magnus, a est. Furono costruiti tunnel dedicati per consentire all'imperatore di entrare e uscire dal Colosseo senza doversi fare strada tra le masse. L'ipogeo ospitava inoltre ununa notevole quantità di macchinari.

Ascensori e carrucole venivano utilizzati per sollevare e far cadere decorazioni e oggetti di scena, nonché per trasportare gli animali confinati al livello per la liberazione. Si sa che esistevano importanti sistemi idraulici e, secondo le testimonianze storiche, era possibile allagare rapidamente l'arena, molto probabilmente collegandosi a un acquedotto vicino.

All'inizio della storia del Colosseo, Domiziano ordinò la costruzione dell'ipogeo, che pose fine alle pratiche di inondazione e, di conseguenza, ai combattimenti navali.

L'ipogeo è la struttura sotterranea del Colosseo. In questa serie di stanze e gallerie sotterranee, i gladiatori e gli animali venivano tenuti in attesa fino a quando non venivano issati nell'arena con ascensori azionati da carrucole [2014]; daryl_mitchell da Saskatoon, Saskatchewan, Canada, CC BY-SA 2.0, via Wikimedia Commons

Strutture affiliate

Il Colosseo e le sue attività sostenevano una notevole industria nella regione. Oltre all'anfiteatro stesso, molte altre strutture circostanti avevano a che fare con i giochi. Direttamente a est si trovano i resti del Ludus Magnus, una scuola per gladiatori che, per comodità dei gladiatori, era collegata al Colosseo tramite un corridoio sotterraneo. Una piccola arena di allenamentoIl Ludus Matutinus, dove venivano addestrati i guerrieri animali, e le scuole galliche e daciche si trovavano nelle vicinanze.

Nelle vicinanze si trovavano anche il Sanitarium, che ospitava strutture per la cura dei gladiatori feriti, l'Armamentarium, che comprendeva un inventario per conservare le armi, il Summum Choragium, dove venivano conservate le attrezzature, e lo Spoliarium, dove venivano spogliati e smaltiti i resti dei guerrieri deceduti. Una fila di imponenti pali di pietra, di cui cinque ancora in piedi sul lato orientale, circondava il Colosseo.circonferenza a una distanza di 18 metri.

Tra le altre possibili spiegazioni della loro apparizione, potrebbero essere state un confine religioso, un limite esterno per il controllo dei biglietti, un'ancora per il velario o una tenda da sole.

Il Ludus Magnus di Roma, costruito dall'imperatore Domiziano (81-96 d.C.) e adibito a caserma per i gladiatori, con il Colosseo sullo sfondo [2006]; Jastrow, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

Uso del Colosseo romano

Nel Colosseo si tenevano gare di gladiatori e una serie di altri eventi. Gli spettacoli non erano mai forniti dal governo, ma da gruppi privati. Erano estremamente apprezzati dalla popolazione, avevano una significativa componente religiosa e servivano a mostrare la grandezza e l'autorità della famiglia. La caccia agli animali, o venatio, era un altro tipo di spettacolo molto apprezzato.

Tra gli animali utilizzati, ippopotami, rinoceronti, elefanti, uri, giraffe, wisent, leoni, leopardi, pantere, orsi, tigri del Caspio, struzzi e coccodrilli. La maggior parte degli animali selvatici utilizzati proveniva dall'Africa e dal Medio Oriente.

Un leone ruggente nel Colosseo (1886) di Valdemar Irminger; Valdemar Irminger, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

Per inscenare battaglie e cacce si utilizzavano spesso scenografie complesse con alberi ed edifici mobili. Secondo quanto riferito, la celebrazione delle conquiste di Traiano in Dacia nel 107 prevedeva gare che coinvolgevano circa 11.000 animali e circa 10.000 guerrieri per una durata di 123 giorni. Tali feste erano talvolta di grandi dimensioni. Le esecuzioni avvenivano tra un pasto e l'altro. Coloro che erano stati trovatiI colpevoli di un crimine venivano condotti nell'arena, svestiti e indifesi, dove venivano divorati dalle creature della morte. Acrobati e maghi offrivano spesso altri spettacoli, di solito durante le pause.

Secondo gli autori antichi, nei primi anni di vita il Colosseo fu utilizzato per simulare battaglie navali.

Secondo i racconti dei primi giochi di Tito, nell'80 d.C., fu riempito d'acqua per uno spettacolo di nuoto di giumente e tori sottoposti a un addestramento speciale. Viene anche descritta la rievocazione di una grande guerra marittima tra i Greci di Corciano e i Corinzi. La capacità di fornire acqua non sarebbe stata un problema, ma non è chiaro come lo stadio potesse essere resistente all'acqua.o se ci fosse stato abbastanza spazio all'interno per la manovra delle corazzate. Questo ha generato un notevole dibattito tra gli storici.

È stato ipotizzato che i resoconti siano imprecisi per quanto riguarda la posizione o che il Colosseo un tempo avesse un grande canale allagabile che lo attraversava al centro. L'arena ospitava anche ricreazioni di ambienti naturali: alberi e arbusti veri venivano messi sul pavimento dell'arena da pittori, tecnologi e architetti per simulare una foresta; in seguito, venivano aggiunti gli animali. TaleGli scenari possono essere utilizzati come ambientazione per cacce o drammi che raccontano eventi mitologici, oppure possono essere usati semplicemente per mostrare un ambiente naturale alla popolazione urbana.

Uso moderno del Colosseo romano

A cosa serve il Colosseo in epoca moderna? Oggi il Colosseo è una popolare destinazione turistica di Roma, che attira migliaia di visitatori ogni anno per vedere l'arena interna. L'ultimo piano del muro esterno della struttura ospita attualmente un museo a tema eros. Una parte del pavimento dell'arena ha una nuova pavimentazione. Un sistema di corridoi sotterranei che in passato erano utilizzati per trasportare animali egladiatori nell'arena è stato reso pubblico sotto il Colosseo nell'estate del 2010.

Nel Colosseo si sono svolti anche riti cattolici nel XX e XXI secolo: il Venerdì Santo, ad esempio, Papa Benedetto XVI ha presieduto la Via Crucis.

Ulteriori restauri

Diego Della Valle e le autorità locali hanno raggiunto un accordo nel 2011 per sostenere un restauro del Colosseo del valore di 25 milioni di euro. Il progetto doveva iniziare alla fine del 2011 e durare fino a 2,5 anni. I lavori di restauro sono stati avviati solo nel 2013 a causa delle polemiche sull'uso di una collaborazione pubblica per pagarli. Il restauro segna il primo restauro completo del Colosseo.La facciata ad arcate del Colosseo deve essere pulita e restaurata e le barriere metalliche che ostruiscono le arcate a livello del suolo devono essere sostituite.

I lavori sono durati tre anni e il 1° luglio 2016 Dario Franceschini, ministro della cultura italiano, ha dichiarato che sono stati stanziati i fondi per la sostituzione della pavimentazione entro la fine del 2018, che offrirà una piattaforma per "eventi culturali di altissimo livello", secondo Franceschini. La proposta comprendeva anche la ristrutturazione delle camere sotterranee e delle gallerie del Colosseo, oltre che la realizzazione di un'area di sosta per i visitatori.I due livelli superiori sono disponibili per visite guidate dal 1° novembre 2017.

Il mercato si trovava al quarto livello, mentre al quinto livello superiore si riunivano i plebei, gli abitanti più poveri, per assistere allo spettacolo e portare con sé i picnic per l'intera giornata di festa.

Il significato religioso del Colosseo romano

Secondo la tradizione religiosa, il Colosseo è spesso associato dai cristiani al martirio di numerosi cristiani durante la persecuzione nell'Impero Romano. Altri studiosi, tuttavia, sostengono che la maggior parte dei martiri potrebbe essere avvenuta in altre zone di Roma piuttosto che nel Colosseo, a causa della scarsità di prove archivistiche o materiali ancora intatte.

Alcuni cristiani, secondo alcuni studiosi, furono messi a morte come criminali comuni nel Colosseo per il loro crimine di rifiutarsi di rispettare gli dei romani, ma la maggior parte dei martiri cristiani della Chiesa nascente furono messi a morte al Circo Massimo per le loro convinzioni.

Circo Massimo a Roma (1638 circa) di Viviano Codazzi e Domenico Gargiulo; Viviano Codazzi, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

Il Colosseo non fu considerato un monumento per tutto il Medioevo e fu invece utilizzato come ciò che alcune fonti moderne definiscono "cava", il che significa che le rocce del Colosseo furono rimosse per creare altre strutture religiose. Questa statistica dimostra che il Colosseo non fu riconosciuto come un luogo sacro in un periodo in cui i luoghi dei martiri erano molto venerati. Il Colosseonon era menzionato negli itinerari dei pellegrini o negli scritti del XII secolo, come la Mirabilia Urbis Romae che attribuisce i martiri al Circo Flaminio piuttosto che al Colosseo.

Questo conclude il nostro sguardo su alcuni dei fatti più significativi del Colosseo romano. La storia del Colosseo romano risale a molti anni fa e ha visto la funzione della struttura cambiare da un'epoca all'altra. La maestosa arena è stata costantemente utilizzata per quattro secoli prima di cadere in rovina e di essere utilizzata come fonte di materiali da costruzione fino al XVIII secolo. Anche se due terzi del Colosseo originaleL'anfiteatro, che nel tempo è stato demolito, continua a essere un sito turistico molto apprezzato e una rappresentazione di Roma e del suo turbolento e lungo passato.

Domande frequenti

Per quanto tempo è stato utilizzato il Colosseo?

L'anfiteatro del Colosseo fu eretto durante il regno degli imperatori Flavi. Nel corso degli anni il Colosseo è stato utilizzato per molti scopi diversi, dalla sua costruzione fino ad oggi. Il Colosseo fu lasciato in rovina dopo la caduta dell'Impero Romano d'Occidente. L'arena fu trasformata in una fortezza nel XII secolo dai Frangipane e dagli Annibaldi.Alla fine del XV secolo, Papa Alessandro VI autorizzò l'uso del Colosseo come cava. I lavori di restauro finanziati dal governo sono iniziati negli anni '90, dopo oltre mille anni di abbandono.

Quando fu costruito il Colosseo?

Durante il governo di Vespasiano, i lavori per la costruzione del Colosseo iniziarono tra il 70 e il 72 d.C., e si svolsero nell'area della Casa d'Oro di Nerone, direttamente a est del Palatino. Il lago artificiale che si trovava al centro del complesso reale fu svuotato e al suo posto fu costruito il Colosseo, una scelta simbolica oltre che pratica.

Chi ha costruito il Colosseo a Roma?

L'imperatore romano Vespasiano iniziò la costruzione del Colosseo tra il 70 e il 72 d.C. Nell'80 d.C. il successore di Vespasiano, Tito, dedicò il tempio completato. Nell'82 d.C. l'imperatore Domiziano costruì il quarto piano del Colosseo. L'arena fu eretta da ebrei prigionieri della Giudea e pagata con il bottino della distruzione di Gerusalemme da parte di Tito nel 70 d.C. Il Colosseo fu costruito come parte di un ambizioso sforzo diL'imperatore Vespasiano concepì il Colosseo, come altri anfiteatri, come luogo di intrattenimento, tra cui epiche battaglie di gladiatori, cacce alla fauna selvatica e persino combattimenti marittimi simulati.

John Williams

John Williams è un artista esperto, scrittore ed educatore artistico. Ha conseguito il Bachelor of Fine Arts presso il Pratt Institute di New York City e successivamente ha conseguito il Master in Fine Arts presso la Yale University. Per oltre un decennio ha insegnato arte a studenti di tutte le età in vari contesti educativi. Williams ha esposto le sue opere d'arte in gallerie negli Stati Uniti e ha ricevuto numerosi premi e borse di studio per il suo lavoro creativo. Oltre alle sue attività artistiche, Williams scrive anche di argomenti legati all'arte e tiene seminari di storia e teoria dell'arte. È appassionato di incoraggiare gli altri ad esprimersi attraverso l'arte e crede che tutti abbiano la capacità di creatività.